Grande, grosso e Verdone

Biografia e vita privata di Carlo Verdone

Carlo Verdone (all'anagrafe Carlo Gregorio Verdone) è un regista, sceneggiatore e attore di successo del panorama italiano: ad oggi sono molti i riconoscimenti che gli sono stati conferiti, tanto è vero che nella sua carriera ha incontrato ben 9 David di Donatello, 3 Globi d'oro ed altri 8 Nastri d'argento.

Biografia

Figlio del noto critico cinematografico Mario Verdone, dopo la maturità classica conseguita al "Liceo Nazareno" di Roma, Carlo consegue la laurea in Lettere Moderne all'Università di Roma "La Sapienza" là dove suo stesso padre svolgeva il ruolo di docente in storia del cinema (a questo proposito è passata alla storia la bocciatura ricevuta da Carlo proprio da suo padre Mario durante il primo appello d'esame). Ma prima della laurea, Carlo Verdone consegue anche un diploma in regia al Centro sperimentale di cinematografia di Roma.

Questi successi fatti propri nel campo della formazione gli spianano la strada verso il mondo della televisione, dove entra sia in qualità di attore per una serie di spot riguardanti la celebre trasmissione Carosello, sia nelle vesti di attore di un programma a dir poco innovativo per quei tempi come fu Non Stop (1978). Ma Carlo Verdone non vive solo ed esclusivamente davanti alla cinepresa, poiché sin da giovane comincia a destreggiarsi nel ripresa di alcuni cortometraggi come Poesia Solare (1969), Allegoria di primavera (1971) ed Elegia Notturna (anno 1973) che sono proprio i primi test di regia con cui Carlo si cimenta.

Ma il suo debutto in qualità di regista lo si ha solo nel 1980 quando hanno luogo le riprese del lungometraccio Un sacco bello, titolo nell'ambito del quale lo stesso Verdone interpreta alcuni personaggi di grande impatto; non è un casoinfatti se l'anno immediatamente successivo viene girata una pellicola che dietro il titolo Bianco, rosso e Verdone porta in scena ulteriori personaggi tipici del suo repertorio ed anche la simpatia della romanità dietro il rassicurante volto di Elena Fabrizi (sorella di Aldo che è poi stata ribattezzata come la "Sora Lella").

Insomma, sono degli anni di esordio in cui Carlo Verdone guarda principalmente alla comicità e tenta di catturare un pubblico votato alla leggerezza. Ma dopo un inizio basato su queste fondamenta, Verdone, evidentemente conscio di quella che è una professionalità ormai acquisita, decide di aderire ai canoni più classici della commedia all'italiana. A questo proposito lo vediamo al fianco di Alberto Sordi in Viaggio con papà (regia di Sordi) e in Troppo forte (con la regia di Verdone), nei quali interpreta quella che è l'immagine dell'italiano medio.

Da lì in poi conosciamo un Carlo Verdone leggermente diverso rispetto a quello degli inizi, ovvero un attore ora più poliedrico che non perde di vista la comicità ma che al tempo stesso ha a cuore l'analisi di un'Italia che cambia e l'archetipo dell'italiano-tipo: tra i suoi film più noti che hanno luogo dagli anni '80 in avanti c'è Compagni di scuola che lo vede in coppia con Margherita Buy, Al lupo al lupo che si propone come autobiografia dello stesso Verdone, Viaggi di nozze che in un certo senso pare voler richiamare quella struttura ad episodi che contraddistingueva i suoi primi film. E poi ancora Il mio miglior nemico e Grande, grosso e... Verdone, anche quest'ultimo girato con la consapevolezza di voler celebrare lo stile che l'attore e regista prediligeva ai suoi inizi (ovvero l'idea di un film suddiviso su episodi e basato su personaggi scritti e interpretati da Verdone stesso).

Ma nella sua vita professionale non incontra mica solo la televisione: per quel che riguarda il mondo teatrale Verdone partecipa con successo a spettacoli come Senti chi parla e Tali e quali. Mentre per il resto lo troviamo nel comparto della lettura dove si inserisce mediante la stesura di alcune sue autobiografie (famosa a questo proposito è La casa sopra i portici pubblicata nel 2012); in quello della pubblicità in cui viene affiancato da personaggi celebri come Angelo Peruzzi, Ornella Muti e Roberto Baggio; in quello della produzione grazie alla portata in auge di titoli come Zora la vampira; e in quello del doppiaggio in cui Verdone cede la sua voce al gatto Zorba de La gabbianella e il gatto, nonché ad alcuni personaggi del suo Grande, grosso e... Verdone. Carlo Verdone fa persino comparsa nel settore musicale, poiché partecipa ai videoclip di Mi piaci di Alex Britti e Meraviglioso dei Negramaro.

Vita privata

Per quel che riguarda la sua vita privata in senso stretto, sappiamo che Carlo Verdone è figlio del docente universitario Mario Verdone e fratello del regista Luca Verdone. Ma Carlo ha anche una sorella di nome Silvia che tra l'altro è anche moglie di Christian De Sica. Sposato per 16 anni con Gianna Scarpelli dalla quale ha vuto Giulia (1986) e Paolo (1988), Carlo ha in alcune occasioni ceduto un breve passaggio nei suoi film anche ai suoi stessi figli che, infatti, appaiono in Viaggi di Nozze, Io, loro e Lara, in Al lupo al lupo, in Grande, grosso e... Verdone, in Gallo cedrone e in Posti in piedi in paradiso.